Notizie

Log in to add email notification.

La comunità di Python.it lancia un nuovo progetto per la traduzione italiana integrale della documentazione ufficiale di Python. Mettere a disposizione risorse in Italiano, liberamente accessibili, rivolte soprattutto ai principianti, è fondamentale per diffondere la conoscenza di Python e la cultura della programmazione nel nostro Paese. La documentazione ufficiale è da sempre uno dei punti di forza di Python: completa, chiara, sintetica, aggiornata.

Per questo crediamo molto in questo progetto di traduzione e invitiamo tutti a collaborare! Abbiamo predisposto una repository di lavoro su GitHub per coordinare le operazioni: quando avremo un numero sufficiente di documenti tradotti, pubblicheremo il lavoro (a un indirizzo web ancora da definire).

Se volete contribuire in qualità di traduttori, per prima cosa andate su https://github.com/ricpol/pydoc-it : qui troverete tutte le informazioni necessarie.

Se volete approfondire, discutere e fare proposte su questo progetto, potete iscrivervi alla nostra apposita mailing list.

Il vostro contributo è indispensabile alla riuscita del progetto! Grazie in anticipo a tutti quelli che vorranno collaborare!

Versione 2.7, è davvero finita

2020-05-01 18:22:00

Vi dico un segreto che tutti sanno... ah tecnicamente non è un segreto quindi. Vabbé ve lo dico lo stesso: sono passate alcune settimane dalla fine del supporto ufficiale alla versione 2 del linguaggio, di fatto era stata indicata come il 1° gennaio del 2020 la data di stop, da li in poi non si sarebbe più dovuto parlare al presente di quella versione, ma solo davanti alla vostra bevanda preferita ricordando i tempi che furono.

Nata nell'estate del 2010, la versione 2.7 ci ha tenuto compagnia per tanto tempo, ma la vita è crudele e tutte le cose belle devono prima o poi finire. Di fatto, che vi piaccia o meno, è obbligatorio, anzi meglio un preciso dovere di tutti i programmatori Python, salutare il caro vecchio Python 2. Se da una parte è vero che Python.org ha rilasciato il 20 aprile una nuova versione del ramo 2.7 (la 2.7.18 per l'esattezza), siamo davanti all'ultimo avviso, al quale non ne seguiranno più, questo è stato l'ultimo rilascio (di sempre). Si tratta del commiato, del saluto finale, la versione da impagliare e riporre sopra il caminetto.

Se per i nuovi sviluppatori non ci saranno grosse difficoltà perché inizieranno con la nuova versione (vero?!?), lo sforzo maggiore sarà richiesto ai veterani del linguaggio, quelli che nel corso degli anni hanno sviluppato con quella specifica versione del linguaggio. Sapete meglio di me che la maggior parte delle librerie, vitali per l'utilizzo di Python, sono passate alla versione 3, tranne qualche eccezione che nei grossi numeri possiamo ignorare, ed anche se tutti noi sappiamo che per svariati motivi ci saranno comunque versioni di script che gireranno con la versione 2.7 ancora per taaaaaaaaanto tempo, il passaggio verso la versione 3 ormai dovrebbe essere qualcosa di consolidato. Il countdown che portava alla "morte" della versione 2.7 è partito da anni, ben cinque, non è che ci siamo svegliati una mattina ed abbiamo trovato d'ufficio la versione 3.x e tanti saluti. Questo passaggio è stato fatto/suggerito in maniera del tutto graduale, ma certo non viviamo tra bastoncini di zucchero e cascate di cioccolato al latte, sappiamo anzi che sono state spese tante lacrime per effettuare questa transizione.

Ok, ci sarebbero dei distingui da fare per essere trasparenti al massimo. PyPy ha scelto di supportare la versione 2 per... sempre e visto che si tratta di software open source, la comunità potrebbe, con propri sforzi, rilasciare versioni aggiornate almeno dal punto di vista della sicurezza, se non delle nuove features. Ma ancora una volta, stiamo cercando di rianimare un qualcosa che è destinato comunque alla dismissione? Eeeeh, la sensazione è quella non neghiamolo, dobbiamo pensare seriamente alla versione 3 del linguaggio come l'unica disponibile ed utilizzabile, anche se potreste alzare il dito e sostenere una tesi contraria. Fatelo per il vostro bene.

Quindi amici è giunto il momento, salutiamo il vecchio Python 2 e... lunga vita a Python 3+.

Ambiti di utilizzo di Python

2019-03-14 16:28:34

Ogni programmatore Python che si rispetti, arriva ad un punto del suo percorso di apprendimento durante il quale si farà delle domande sull'utilizzo del proprio linguaggio preferito e su come i propri colleghi lo utilizzano. Ma anziché andare a chiedere porta a porta nel vostro quartiere se qualcuno utilizza o meno Python, grazie al lavoro della Python Software Foundation insieme a JetBrains, abbiamo i dati del 2018 a nostra disposizione.

Prima di tutto un'importante disclaimer: ci tengo a dirvi che qui evidenzierò solo una piccola parte di quello che è contenuto nell'articolo completo, che vi invito caldamente a leggere per avere un quadro più preciso.


Se il fatto che l'84% di coloro che hanno risposto al sondaggio utilizzano Python come linguaggio primario (beh, grazie...), sorprende invece constatare come il 51% affianchino Javascript come "altro linguaggio". In realtà solo un utente disattento, come lo sono stato io, poteva pensare che HTML/CSS o Bash fossero i compagni preferiti, perché di fatto anche nel 2017 la situazione era molto simile all'attuale.

Ma scopriamo qual'è l'ambito di utilizzo in cui Python viene usato nella maggior parte dei casi.




Ed eccoci arrivati subito alla vera prima grossa sorpresa. Il Data analysis supera il Web development come ambito di utilizzo preferito degli sviluppatori Python. Certo se dovessimo scegliere un solo ambito questo sarebbe ancora il Web development come aspetto primario unico, ma è anche vero che Data analysis e Machine Learning, due degli aspetti dello sviluppo in ambito scientifico hanno insieme sorpassato lo sviluppo web, segno inequivocabile dei tempi che stanno cambiando sotto i nostro occhi.

Per quanto riguarda l'adozione di Python, ecco qui c'è un incremento di nove punti di Python 3:



Per quanto riguarda invece la specifica versione del linguaggio utilizzato, eccovi il dettaglio:



Interessante a mio avviso vedere anche quale versione viene usata nei tre principali ambiti di utilizzo:



Ma sediamoci e respiriamo, il re è morto, lunga vita al re. In ambito web il framework da sempre più ultizzato è sempre stato Django, col suo enorme bacino di utenza e la sua vasta comunità. Beh, usiamo il verbo al passato, perché Flask risulta oggi il framework web più usato, prevalendo 47% vs 45% di Django. Certo, si tratta di risposte a scelta multipla, ma è significativo constatare questo aspetto, con un Flask capace di prendersi quindici punti percentuale rispetto al 2017.

NumPy e Requests sono i capofila dei framework scientifici e delle librerie/framework generici, diciamo che qui il grado di sorpresa è rasente lo zero assoluto.

Ma con quale sistema operativo si sviluppa in Python? Beh forse per qualcuno sarà un sorpresa, per altri (come me) una semplice conferma.




E chiudiamo con un aspetto dello sviluppo che interessa molti di voi visto che ci viene rivolto spesso il quesito su quale sia il miglior IDE/Editor per scrivere codice. Se una risposta è davvero difficile da dare, almeno possiamo dirvi che cosa i sondaggisti utilizzano:






Dobbiamo notare come il lavoro fatto su VS Code stia pagando dividendi ed a fine anno qui si che ci potrebbe essere una bella novità.


Anche se abbiamo solo grattato la superficie di questo sondaggio, che vi invito ancora una volta a leggere per interno, sembra chiaro che il grande protagonista è e sarà lo sviluppo delle discipline del Data Science, sempre più presente nella vita di ognuno di noi. Che siate sviluppatori web o novelli Marvin Minsky, Python è sicuramente il vostro più fedele alleato.

Auguri a tutti!!

2018-12-24 20:36:54


Scritto da Daniele aka Palmux

Tag assegnati:

4 commenti


PyCon Italia è la conferenza nazionale che raccoglie professionisti, ricercatori e appassionati del linguaggio di programmazione più bello che ci sia. Nella splendida cornice di Firenze, PyCon è un weekend per imparare, confrontarsi e scoprire.

Ci è voluto un po', ma ora siamo pronti a ricevere le vostre fantastiche proposte di talk! C'è qualcosa che vuoi condividere con la community? Hai lavorato a qualcosa di nuovo nell'ultimo anno? Hai bisogno di una scusa per provare quella libreria Python che hai visto la settimana scorsa?

Beh! Inviaci la tua proposta di talk, vogliamo davvero averti a PyCon Italia!

Riportiamo un annuncio presente sul nostro forum.

TomorrowData
è un’azienda specializzata nello sviluppo di soluzioni software/hardware basate su dispositivi connessi a internet e di applicazioni predittive basate su deep learning, specificamente in ambito industriale, telecomunicazioni e biotech.

Abbiamo realizzato iottly (link), una soluzione software in cloud per telegestione di dispositivi embedded linux-based connessi e per la realizzazione di applicazioni di telemetria. Iottly è adottato da primari produttori nazionali di hardware e software settoriali e sono in corso progetti pilota con vari gruppi internazionali.

Tomorrowdata ha sede a Torino e ha una unità operativa a Pistoia; è in ricerca di figure per l’ampliamento del team.

Per l'ampliamento del team stiamo cercando:

N. 1 Sviluppatore Python Senior (link)

N. 2 Sviluppatore Python Junior (link)

Profilo e contatti sono indicati nei link.

Le ricerche sono rivolte a candidati di ambo i sessi ex l.n. 903/77 e l.n.125/91. I dati saranno trattati in conformità a quanto previsto dalla normativa privacy (art.13 D.lgs. 196/03)
Riportiamo un annuncio presente sul nostro forum.

Prassel
, azienda italiana specializzata nella progettazione e realizzazione di piattaforme software per Sale Operative e Centri di Controllo (www.vims.it), cerca un Analista Programmatore Python, per attività di sviluppo backend su sistemi client/server, competente sulle seguenti tecnologie:
- Python
- SQLAlchemy
- PostgreSQL
- Twisted
- Django

E' richiesta esperienza, autonomia nel lavoro e dimestichezza nella collaborazione in team.

Il candidato lavorerà presso la sede Prassel a Roma, dove potrà condividere il proprio know-how e la propria capacità di trovare soluzioni tecniche efficaci su progetti mission critical.

Inquadramento e retribuzione saranno commisurati all'effettiva esperienza e capacità del candidato.

Gli interessati possono inviare il proprio cv a contact@prassel.it specificando l’autorizzazione al trattamento dei dati personali (Regolamento UE 67920/2016 e D.Lgs.196/2003).

L'offerta è da intendersi nel rispetto delle norme sulle parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro. (L.903/77, L.125/91, D.Lgs. 215/03 e 216/03).

Guido van Rossum ha detto basta

2018-07-28 16:43:34

Sono passati diversi giorni, ma ancora non si è spento l'eco della decisione di Guido van Rossum di prendersi una pausa di riflessione dal suo ruolo di "benevolent dictator for life" di Python (che evidentemente troppo for life non era).

Infatti il 12 luglio sulla mailing-list ufficiale del linguaggio (trovate qui il messaggio originale), Guido ha dichiarato: "Ora che la PEP 572 è finita, non voglio più dover lottare così duramente per una PEP e scoprire che così tante persone disprezzano le mie decisioni. Desidero rimuovere la mia figura da ogni processo decisionale. Sarò ancora presente per un po' come se fossi un normale core developer, e sarò ancora disponibile per guidare le persone, forse più disponibile. Ma fondamentalmente mi sto dando una vacanza permanente dall'essere BDFL, sarete soli ora."

Inutile dire che questa decisione ha sollevato tante reazioni diverse ed anche molti attestati di solidarietà per Guido che a mezzo social, ha ringraziato tutti per la solidarietà, ma ha anche ribadito di aver bisogno di un lungo periodo di riposo.

Ad oggi non sappiamo cosa sarà del futuro di Guido col suo ruolo di BDFL, se si è trattato di un eccesso di frustrazione momentaneo o se le strade sono destinate a restare divise. Per ora quello che sappiamo è che dopo la sua uscita, la PEP 572 è stata approvata.

Riportiamo un annuncio presente sul nostro forum.

MagicStore S.r.l.
è un'Azienda orientata alla realizzazione di soluzioni informatiche Cloud per il le aziende che si occupano di Retail.

Siamo in cerca di uno sviluppatore software in linguaggio Python per sviluppare il sistema gestionale interno, basato su ODOO 10.

Profilo ricercato: Programmatore Python

Competenze necessarie:
• Python
• XML
• Javascript
• SQL
• Conoscenza di flussi aziendali
• Esperienze con sistemi ERP

Competenze gradite:
• Esperienza pregressa su Odoo
• Sistemi operativi Linux
• Git

Completano il profilo:
• Diploma e/o Laurea in informatica
• Buona conoscenza della lingua inglese
• Autonomia decisionale, proattività e forte orientamento al risultato

Si offre:
• Contratto a tempo indeterminato oppure rapporto di consulenza
• Inserimento in team già strutturato

Sede di Lavoro: Napoli

Per candidarsi inviare il Cv, completo di foto e consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/2003, all’indirizzo: recruiting@magicstore.cloud utilizzando come oggetto della mail "PROGRAMMATORE PYTHON"

Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.
Questa estate si terrà in Italia la conferenza EuroSciPy, per l'esattezza a Trento dal 28 agosto al 1 settembre.

EuroSciPy
è una conferenza interdisciplinare incentrata sull'uso e lo sviluppo del linguaggio Python nella ricerca scientifica. Questo evento si propone di riunire utenti e sviluppatori di strumenti scientifici, nonché della ricerca accademica e dell'avanguardia nello sviluppo industriale.

Sono svariati gli argomenti che verranno trattati durante l'appuntamento, tra gli altri troverete:
- Algorithms implemented or exposed in Python
- Astronomy
- Data Visualisation
- Deep Learning & AI
- Earth, Ocean and Geo Science
- General-purpose Python tools that can be of special interest to the scientific community
- Image Processing
- Materials Science
- Parallel computing
- Political and Social Sciences
- Project Jupyter
- Reports on the use of Python in scientific achievements or ongoing projects
- Robotics & IoT
- Scientific data flow and persistence
- Scientific visualization
- Simulation
- Statistics
- Vector and array manipulation
- Web applications and portals for science and engineering
- 3D Printing

Ora che abbiamo stimolato il vostro appetito scientifico, non dovete far altro che recarvi sul sito della conferenza per trovare tutte le informazioni che desiderate e per prenotare il vostro biglietto.

Page 1 | Next

Archivio

Feed RSS